IL PRIMO VIDEOMAPPING 3D OUTDOOR PERMANENTE, NEL CUORE DI MILANO.

Manzoni 23 è un’esperienza digitale urbana disponibile in modo permanente nel cuore del Quadrilatero della moda.
Un intervento artistico realizzato dallo studio Immersive Media con l’obbiettivo di arricchire il già bellissimo cortile interno – appena ristrutturato – situato al numero 23 della stessa via Manzoni. E’ situata a 100 mt dal Teatro alla Scala ed a 50 mt dalla fermata della metro Montenapoleone.
Lo spazio, è un piccolo cortile chiuso in tutti i suoi lati da edifici elegantemente ristrutturati e si affaccia, tramite un piccolo ed elegante tunnel di accesso, su via Manzoni, rendendolo allo stesso tempo estremamente centrale ed accessibile ma anche molto intimo e perfetto per un’esperienza molto suggestiva.

IL PRIMO VIDEOMAPPING 3D OUTDOOR PERMANENTE NEL CUORE DI MILANO.

Manzoni 23 è un’esperienza digitale urbana disponibile in modo permanente nel cuore del Quadrilatero della moda.
Un intervento artistico realizzato dallo studio Immersive Media con l’obbiettivo di arricchire il già bellissimo cortile interno – appena ristrutturato – situato al numero 23 della stessa via Manzoni. E’ situata a 100 mt dal Teatro alla Scala ed a 50 mt dalla fermata della metro Montenapoleone.
Lo spazio, è un piccolo cortile chiuso in tutti i suoi lati da edifici elegantemente ristrutturati e si affaccia, tramite un piccolo ed elegante tunnel di accesso, su via Manzoni, rendendolo allo stesso tempo estremamente centrale ed accessibile ma anche molto intimo e perfetto per un’esperienza molto suggestiva.

UN CORTILE STORICO "SMART"

L’installazione è completamente automatizzata e programmata per essere eseguita ciclicamente numerose volte nell’arco di tutti i giorni, dal lunedì al sabato e può contare su un impianto di videoproiezione laser di ultima generazione, climatizzato, grazie al quale è possibile vedere lo show anche in pieno giorno, in qualsiasi stagione, anche se ovviamente i momenti migliori per apprezzarne la suggestione sono durante le ore in cui la luce naturale inizia a diminuire.
Il cortile – a tale scopo – è stato trasformato in un vero e proprio spazio di fruizione in stile cinema, poiché l’installazione controlla anche l’impianto di illuminazione dlo stesso cortile, dando modo al software di spegnere ed accendere dolcemente le luci ogni volta che lo show inizia, dando cosi massima godibilità all’esperienza.

L’attuale intervento, è una combinazione di pittura dinamica e metamorfosi architetturali 3D. Momenti video-grafici astratti, geometrie complesse e colori che dialogano tra loro e con gli elementi della facciata, alternati a destrutturazioni 3D.

UN CORTILE STORICO "INTELLIGENTE"

L’installazione è completamente automatizzata e programmata per essere eseguita ciclicamente numerose volte nell’arco di tutti i giorni, dal lunedì al sabato e può contare su un impianto di videoproiezione laser di ultima generazione, climatizzato, grazie al quale è possibile vedere lo show anche in pieno giorno, in qualsiasi stagione, anche se ovviamente i momenti migliori per apprezzarne la suggestione sono durante le ore in cui la luce naturale inizia a diminuire.
Il cortile – a tale scopo – è stato trasformato in un vero e proprio spazio di fruizione in stile cinema, poiché l’installazione controlla anche l’impianto di illuminazione dello stesso cortile, dando modo al software di spegnere ed accendere dolcemente le luci ogni volta che lo show inizia, dando cosi massima godibilità all’esperienza.

LA SARTORIA MULTIMEDIALE

“Scolpire la pietra attraverso la luce, rendere mobile ciò che è immobile, leggero ciò che è pesante, reinterpretare le superfici attraverso narrazioni multimediali di luce proiettata, aumentando la realtà con l’immaginazione…”

Il 3D projection mapping – è la tecnica su cui si basa questa installazione e consiste nella proiezione ed eleborazione di contenuti multimediali attraverso cui le superfici diventano sia schermi attivi per le proiezioni che i soggetti delle stesse.
Questa disciplina produce esperienze immersive ed iperreali, relazionando – attraverso l’applicazione di uno “strato” di motion graphic –  il lavoro artistico alla storia, alle caratteristiche o alle funzioni dell’elemento su cui si interviene, adattandosi ed interagendo con le forme e gli elementi presenti sulla superficie proiettata, che essa sia un edificio, una roccia, una scenografia o altri elementi di qualsiasi natura. La disciplina artistica di riferimento è la site-specific art, ovvero un intervento che è pensato e si inserisce in un preciso luogo.

LA SARTORIA MULTIMEDIALE

“Scolpire la pietra attraverso la luce, rendere mobile ciò che è immobile, leggero ciò che è pesante, reinterpretare le superfici attraverso narrazioni multimediali di luce proiettata, aumentando la realtà con l’immaginazione…”

Il 3D projection mapping è la disciplina su cui si basa questa installazione e consiste nella proiezione ed eleborazione di contenuti multimediali attraverso cui le superfici diventano sia schermi attivi per le proiezioni che i soggetti delle stesse.
Questa disciplina produce esperienze immersive ed iperreali, relazionando il lavoro artistico alla storia, alle caratteristiche o alle funzioni dell’elemento su cui si interviene, adattandosi ed interagendo con le forme e gli elementi presenti sulla superficie proiettata, che essa sia un edificio, una roccia, una scenografia o altri elementi di qualsiasi natura. La disciplina artistica di riferimento è la site-specific art, ovvero un intervento che è pensato e si inserisce in un preciso luogo.